Occupazioni abusive nell’Erp e ripristino della legalità

Dare una risposta al fenomeno delle occupazioni abusive, con l’obiettivo di attivare un circolo virtuoso nel sistema degli alloggi pubblici, a partire dal ripristino della legalità e a tutela degli aventi diritto in lista d’attesa. Il seminario ‘Occupazioni abusive negli alloggi di edilizia residenziale pubblica: azioni di prevenzione e controllo’, svoltosi a Roma presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha evidenziato la determinazione del mondo delle case popolari di affrontare il problema.
“Federcasa, in collaborazione con VPSitex e con il supporto di Nomisma, ha promosso un’analisi sul tema delle occupazioni abusive delle case popolari in Italia – afferma Luca Talluri, presidente di Federcasa –. Nel Paese gli alloggi occupati sono circa 48 mila, un numero non altissimo se messo in relazione agli oltre 750 mila alloggi gestiti dagli Enti casa a noi associati, ma ugualmente importante. Il problema deve essere affrontato coralmente, enti, istituzioni, forze dell’ordine, se vogliamo ripristinare uno stato di legalità e diritto è imprescindibile la collaborazione tra tutti i soggetti che hanno voce in capitolo. L’incontro odierno è occasione per individuare le buone pratiche, procedurali e non, utili ad affrontare e risolvere il problema, da condividere e diffondere”.
Secondo i dati Federcasa, elaborati da Nomisma, il fenomeno è progressivamente aumentato (+20,9% tra il 2004 e il 2013), anche a causa del peggioramento della tensione abitativa. Rispetto al totale delle abitazioni risulta che circa il 6,4% di queste è occupato abusivamente. Le aree maggiormente interessate sono il Mezzogiorno (53,4%) e il Centro Italia (36,5%). Le stime riferiscono inoltre che rispetto al fenomeno dell’occupazione abusiva, le abitazioni che vengono occupate con forza rappresentano l’81% (circa 40 mila casi), mentre il restante 19% (9 mila casi) si riferisce all’”assenza del sopravvenuto titolo”.
Il report Nomisma evidenzia come le principali cause che alimentano il fenomeno delle occupazioni abusive sono la perdurante presenza di alloggi sfitti, il disagio economico del contesto sociale, la limitata collaborazione con le autorità preposte all’ordine pubblico, gli aspetti legislativi.
Al seminario romano hanno preso parte gli Enti di edilizia residenziale pubblica italiani, esponenti dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Roma, il presidente di VPSitex, realtà specialista della protezione del patrimonio immobiliare sfitto.
6 Luglio 2016